14 Aprile 2024
Archivi
percorso: Home > Archivi

La Stagione del Marzuolo

20-02-2023 11:19 - Tartufo, Mangiare
Il Tartufo Bianchetto di Marzo
In inverno e per l'equinozio di primavera si va in cerca del Tartufo Bianchetto, chiamato anche Marzuolo a ricordare la stagione di raccolta. A San Miniato, questo prodotto della terra si festeggia per tradizione a Cigoli da 24 anni con la Mostra Mercato del Tartufo Marzuolo, organizzata dall'associazione Giuseppe Gori nel circolo ARCI (16 – 17 MARZO).

Caratteristiche del Fungo


La denominazione di questa specie deriva dal mese prediletto per la sua raccolta: il mese di marzo. Il nome scientifico (Tuber Borchii), invece, fa riferimento al Conte De Borch, studioso e biologo polacco che per primo studiò le sue caratteristiche botaniche. Una ricerca che lo portò ad affermare per primo che i tartufi sono funghi, e non tuberi come fino ad allora si credeva.

DOVE E QUANDO: in Toscana, il Bianchetto si sviluppa soprattutto nell'area costiera del territorio pisano, ma si può trovare anche nelle zone dell'entroterra dove cresce il tartufo bianco. Questa ampia zona comprende la parte a sud del fiume Arno, le colline della valle dell'Elsa, dell'Egola e dell'Era. L'ambiente ideale del tartufo Bianchetto è il bosco di pini, ma lo si può trovare anche lungo le sponde dei corsi d'acqua o dei fossati popolati di salici e pioppi e nei viali di tigli. Il terreno ideale è quello sabbioso o composto da materiale organico comunque molto fine. Anche i terreni calcarei, argillosi, con presenza di silice, sono idonei alla sua crescita. Il periodo di raccolta va dalla prima metà di Gennaio alla prima metà di Aprile.

COME APPARE: il Bianchetto è contraddistinto da una scorza biancastra e una polpa tendente al bruno, quasi violaceo. Il suo aroma è penetrante e persistente, un po' piccante agliaceo ma molto gradevole. Le sue dimensioni, in genere, sono molto ridotte e spesso non superano quelle di un uovo. La sua forma dipende dalla natura del terreno: se questo è soffice allora crescerà liscio, se al contrario è compatto, il fungo dovrà faticare a farsi spazio, e diventerà bitorzoluto e nodoso. Di dimensioni ridotte rispetto al Bianco, può pesare dai 30 ai 200 grammi.



Per i Tartufai è un fungo interessantissimo, perché è il primo a cui ci si rivolge per l'addestramento dei cani, visto che crescono in grandi gruppi e in superficie. I cani da tartufo iniziano il loro addestramento e gioco proprio cercando il Bianchetto.
Nell'addestramento dei cani, si inizia quando sono cuccioli. Quello che è importante è il legame, un rapporto di fiducia e amore che unisce l'uomo all'animale e alla natura. Avere un giusto approccio, quindi allenare una componente psicologica, gioca un ruolo fondamentale se si vogliono raggiungere dei risultati incredibili in termini di rapporto con il cane e velocità di apprendimento.
form di richiesta informazioni
Richiedi info
I campi in grassetto sono obbligatori.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

keyboard_arrow_down
Dove mangiare
[mappa dove mangiare]
Dove dormire
[Mappa dove dormire]
FREE CITY TAX
Nel Comune di San Miniato non viene richiesto il pagamento della tassa di soggiorno.
Chi siamo
La Fondazione San Miniato Promozione

La Fondazione ha il fine di promuovere il territorio di San Miniato attraverso il suo sviluppo turistico, culturale, produttivo, ambientale e…

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Scegli la lingua
Sembra che la lingua del tuo browser sia diversa dal sito web
bandiera dell´Italia
ing flag
cookie