Relax e benessere nel territorio toscano Relax e benessere nel territorio toscano

Tra colline sinuose e luoghi da fiaba

Il ritmo è quello scandito dalla natura e dall'armonia della campagna. La quiete, il silenzio invitano al relax facendo dimenticare l'incalzante frenesia quotidiana. Un soggiorno come un'esperienza talvolta romantica, rilassante, oppure divertente e originale. Colline sinuose che si susseguono, dolci e delicate da cui sbucano borghi, ville, castelli, torri e che a ogni stagione e a ogni ora della giornata sembrano cambiare vestito, facendosi apprezzare con stupore per le suggestioni che la natura offre.

Il sole lambisce i crinali, l'alba e il tramonto colorano il cielo evidenziano la linea dell'orizzonte. La nebbia nasconde e mostra, come in un gioco magico.

Dai fondovalle così come dai punti più alti le colline si trasformano in luoghi da fiaba.

Il Carducci paragonò i colli di San Miniato a delle ragazze: "l'ondoleggiante leggiadria dei colli somiglianti a una fila di ragazze che présesi per mano corrano cantando rispetti e volgendo le facce ridenti a destra e a sinistra, - tutto cotesto viveva ardeva fremeva sotto il regno del sole nel cielo incandescente."

Nelle fattorie e nelle aziende agrituristiche lo spirito dell'accoglienza è semplice e piacevole. San Miniato si mette a disposizione di tutti coloro che già apprezzano le bellezze del territorio e di coloro che invece sono curiosi di conoscerlo e apprezzarlo con i suoi caratteri distintivi, dove la natura incontra i lenti ritmi della vita campestre.

Il verde è il colore dominante, i boschi dominano il paeseaggio. La primavera regala con la fioritura delle piante autentiche pennellate di colore gialle, rosse o bianche, che impreziosiscono la campagna trasformandola in quadri d'autore.

Cultura alimentare e qualità della vita si intrecciano nel mosaico di boschi e fattorie di questa terra. I boschi offrono nei mesi autunnali il Tuber Magnatum Pico e all'inizio della primavera il Tartufo marzuolo. Le fattorie e le aziende agricole offrono i vini e l'olio d'oliva, frutti privilegiati di un territorio assai vocato dove le antiche sapienze del mondo agrario si sposano alla migliori tecnologie di impianto e di coltivazione.

Sono colline che hanno storie millenarie da raccontare in cui i segni del passato sono ancora ben conservati. Il trecentesco castello di Montebicchieri, il borgo di Bucciano, le pievi di Cigoli e di Corazzano, o i piccoli centri di Balconevisi e Stibbio sono a testimoniare che in queste valli, solcate dalle acque dell'Egola e dei suoi affluenti, si coniuga perfettamente relax, benessere e qualità della vita fin da tempi remoti e che vivere in questi luoghi, risiedendoci, o per una vacanza, rappresenta un vero e proprio privilegio. Lo sapevano bene i nostri avi, gli etruschi (è stata rinvenuta una capanna risalente a quel periodo), ma anche le famiglie benestanti dei secoli scorsi che ci hanno lasciato in eredità un patrimonio fatto di ville e fattorie. Ecco la fattoria della Badia a La Catena, Villa Ansaldi a Marzana, Villa Compagni a Montebicchieri, Villa di Castelvecchio, dei Grifoni e poi dei Sonnino, presso Cigoli,  Villa Gucci in località La Selva, Villa Morali presso l'antico castello medievale di Bucciano, Villa Roffia a San Quintino, Villa Salviati di Castellonchio, Villa Sanminiati Pazzi a La Serra, Villa Strozzi Medici a Balconevisi tutte espressione di una nobiltà locale che sapeva coniugare il benessere con la qualità della vita. Alcune di queste strutture sono oggi convertite e accanto alle strutture agrituristiche, ricavate principalmente in antiche coloniche o fienili restaurati, rappresentano l'offerta di un territorio che fa dell'accoglienza e della qualità il suo biglietto da visita.

Ci sono poi disseminate nella campagna strutture di foggia, sono le tabaccaie dove il tabacco viene posto ad essiccare, in particolare la varietà Kentucky importato due secoli fa dal nord America. Molte sono in disuso ma esistono ancora oggi piccole produzioni artigianali. Una prelibatezza per chi ha la fortuna di carpirne i saperi, i profumi e i sapori, così come chi consuma in loco i prodotti della terra. Prodotti dell'orto a chilometri zero, freschi e di stagione. Tartufo, olio, vino, frutta e verdura. Più benessere di così?