L’arte bianca L’arte bianca

I prodotti del forno e della pasticceria

CANTUCCINO DI FEDERIGO

La caratteristica distintiva dei cantucci di San Miniato è l'essere veramente bis-cotti, dunque l'aver subito per due volte la cottura. Il prodotto si presenta di un colore ambrato, poroso e croccante, viene insacchettato in buste trasparenti atte a mantenere la friabilità, i sapori ed i profumi nel tempo. Il Cantuccio di Federigo, da decenni vanto della pasticceria sanminiatese, è una elegante rielaborazione del cantuccio toscano prodotto anticamente con pasta di pane, olio, anici e zucchero.

Sono biscotti fragranti, ricchi di mandorle leggermente toscate e di uvetta appassita che una volta ripassati in forno acquistano quel bel colore di tostatura che li rende davvero unici.
Si abbinano con il vinsanto.

I miniatesi

Sono biscotti la cui forma ricorda quella del cantuccio, ma è solo un'apparenza: infatti, la pasta è molto diversa, è più soffice, delicata e morbida; i profumi sono soffusi e leggermente zuccherini.

Crostate, biscotti e altri dolci del forno

Altri prodotti della tradizione sono la schiacciata pasquale, il pane toscano, il pane di ramerino, la schiacciata con l'uva. L'antico forno Perondi, ora pasticceria Gazzarrini, produce dal 1780 deliziosi dolci artigianali interpretando le antiche ricette.

Il pane e i suoi derivati

pane toscano

La panificazione, ora effettuata dai forni pasticceri, era tradizione tipica della cultura contadina. Si panificava in casa alla fine di ogni settimana e la cosa assumeva caratteristiche quasi rituali.

Prima di consumare il pane fresco e fragrante, andava consumato il pane raffermo della settimana precedente. Nascono così la panzanella, il pancotto, la pappa col pomodoro, le zuppe di verdure.