Tartufo Tartufo

Il tartufo bianco di San Miniato

La sua parte esterna, il peridio, è liscia, non verrucosa. Il colore è giallo chiaro con sfumature verdicchio appena raccolto quando è fresco, per acquistare sfumature tendenti al marroncino chiaro appena si asciuga. L'interno poi, la gleba, ha un colore marrone nella tonalità nocciola, percorsa da una fitta ragnatela di vene bianche, nette, ben distinte, che le danno un aspetto quasi marmorizzato. Il profumo è inequivocabile, un odore squisito, mai stucchevole o troppo intenso, persistente a maturazione completa.

In autunno è il tartufo bianco il re della tavola. Nelle proposte gastronomiche dei ristoratori, gli chef coniugano brillantemente la tradizione con l'innovazione, attraverso l'utilizzo di prodotti del territorio, con un'attenzione particolare verso i cibi biologici e seguendo la stagionalità. Esso trova la sua migliore espressione crudo e su piatti caldi. Riso, tagliatelle o scaloppine con una ricca grattata, le proposte classica. La grattata indica l'aggiunta di tartufo con un'apposita taglierina che lamella sottilmente il tubero. Ma si può spolverizzare anche su uova al tegamino e formaggi fusi.

 

Savitar

In un locale immerso nella splendida campagna toscana, nasce nel 1987 l'attività della Savitar. Grazie alle preziose tradizioni tramandate dal padre, commerciante di tartufi, e alla madre, cuoca di famiglie aristocratiche, Claudio Savini ha integrato nella filosofia aziendale l'antica tradizione tartuficola, ampliando il regno del tartufo bianco vendendo in tutto il mondo: negli Stati Uniti, in Brasile, in Islanda, in Corea, in Cina, in Thailandia, in India, in Europa.
 
Sono organizzate anche esperienze esclusive per provare e imparare la pratica della caccia al tartufo, con buffet e degustazioni.
 

Tartufi Gemignani Francesco

Francesco ha sempre vissuto la caccia del tartufo. Fin da bambino accompagnava il padre nei boschi. Il gioco è diventato ppoi una passione e quella passione. Francesco gemignani gestisce un ristorante a San Donato servendo i suoi prodotti nel ristorante che gestisce grazie al prezioso aiuto della moglie.
 

Tartufi Nacci

In località Corazzano la famiglia Tartufi Nacci ha radici ben piantate nel territorio. Da generazioni addestra cani da tartufo per trovare i migliori prodotti che vengono poi trasformati calibrando le giuste tecniche di lavorazione, tradizione e innovazione al fine di offrire prodotti unici e di altissima qualità.
 
Durante i tour da loro organizzati è possibile imparare le tecniche di addestramento usate per i compagni cacciatori a quattro zampe mentre si degustano alcuni prodotti locali.

Gemignani Tartufi s.r.l.

La storia della Gemignani Tartufi s.r.l. inizia negli anni Trenta in un piccolo borgo del comune di San Miniato. Nella piccola bottega alimentare si iniziarono a comprare da tartufai locali i tartufi più profumati per poi rivenderli ai commercianti che passavano da San Miniato. Con il passare degli anni l'attività è stata tramandata di padre in figlio per quattro generazioni fino ad oggi e attualmente Filippo, con l'aiuto prezioso dei propri familiari, porta avanti con passione e impegno l'antico mestiere di famiglia.
 
Nel centro storico di San Miniato si trova il Punto Vendita, una vera e propria Boutique specializzata nella vendita di Prodotti al Tartufo. Tutti gli articoli sono prodotti esclusivamente nello stabilimento-lab a San Miniato Basso con Tartufi accuratamente selezionati direttamente dai raccoglitori locali e materie prime di alta qualità.