I sapori della città I sapori della città

Un viaggio sensoriale

San Miniato è "Città dei Sapori": tartufi, vino, olio, prodotti dell'orto, prodotti dei mastri norcini e dell'arte bianca sono quanto di meglio questa terra è in grado di offrire.

Ma la cultura dell'alimentazione e del gusto si crea anche con l'intelligenza e con la capacità di trattare la materia per trarne sapori antichi e sempre nuovi. La modernità non ha offuscato questo sapere secolare, lo ha anzi vivificato.

San Miniato tramanda i sapori, che giungono fino ad oggi, dalle mense dai suoi antichi conventi, dai suoi terzieri medievali e dalle oltre trenta fattorie curtensi già elencate in un rogito di feudo dell'Anno Domini 938. Il suo territorio è uno scrigno che si apre. Fra le vie del centro storico, nei mille itinerari della sua vasta campagna che portano a pievi e borghi, sta l'antica cultura di un'ospitalità sobria e riservata, che quei sapori ha saputo preservare, accompagnandoli oggi da una vasta scelta dei migliori vini toscani.

In questa società frenetica e di globalizzazione alcune città italiane hanno deciso di dare vita a un'associazione dove la "lentezza" e la "tipicità" fossero invece caratteristiche del buon vivere. Queste città hanno costituito la rete internazionale Città Slow di cui San Miniato fa parte, essendo riuscita a conservare tutte le proprie tradizioni, pur ottenendo un innegabile sviluppo industriale ed economico.