Cigoli Cigoli

Cigoli

Antico castello già "Castrum de Ceulis" presso il quale fu costruita la chiesa di Sant'Andrea a Bacoli che figura nella Bolla di Celestino III del 1194. Fu lungamente conteso tra Fiorentini e Pisani, soprattutto nei primi anni del ‘300, finchè non fu conquistato da Uguccione della Faggiola, allora signore di Pisa, che vi lasciò un presidio armato. Fu uno dei castelli compresi nel distretto del comune di San Miniato fino al 1370 quando, essendo San Miniato caduta in mano a Firenze, fu amministrato da un magistrato fiorentino avente giurisdizione anche sui castelli di Stibbio e Montebicchieri.Fu patria del celebre pittore Ludovico Cardi detto "Il Cigoli" (1559-1613). L'Artista, che fu anche scultore e architetto, fu pittore di corte dei Medici.

 

cigoli

Pieve di San Giovanni Battista. Nella seconda metà del secolo XIII i monaci Umiliati si stabilirono a  Cigoli e sul punto più alto della collina costruirono la Chiesa e il convento di S. Maria nel luogo dove era l'antica chiesa di San Michele del castello. Questa solida costruzione a tre navate, con elementi ogivali, sopravvive, nonostante le moltissime trasformazioni, nell'attuale pieve di S. Giovanni  Battista. La chiesa divenne pieve e parrocchia dopo il 1579,quando vi fu trasferito il fonte battesimale dell'antica pieve di San Giovanni e San Saturnino di Fabbrica, fuori dal castello di Cigoli. I frati Umiliati furono i primi custodi della miracolosa immagine della Vergine del Santissimo Rosario, che da tempo immemorabile qui si venera e che fu meta di pellegrinaggi da parte della cittadinanza fiorentina fino dal ‘300. La sacra immagine consiste in un altorilievo in legno policromo di probabile provenienza francese, databile intorno al 1290; secondo studi più recenti, risalirebbe invece alla metà del XV secolo. Essa è collocata entro un grande tabernacolo gotico con finissime sculture a traforo,opera del fiorentino Neri di Fioravanti (1381) .
 
Nell'arco interno dell'edicola rimangono affreschi (angeli in coro) attribuiti al pittore fiorentino Stefano d'Antonio di Vanni  (1405-1483). La miracolosa immagine recentemente restaurata (1980) e trafugata pochi giorni dopo, è stata restituita alla chiesa solo nel dicembre 1986. Annualmente il 21 luglio la festa della Madonna del rosario richiama molti fedeli dai luoghi vicini.
 
A poca distanza dall'abitato di Cigoli, in posizione sottostante, è la bella Villa Sonnino o di Castelvecchio,costruita nel XVI secolo su un preesistente fortilizio trecentesco.