Cassa di Risparmio di San Miniato Cassa di Risparmio di San Miniato

La Fondazione Crsm e la Cassa di Risparmio di San Miniato

UN SISTEMA CHE GENERA SVILUPPO

Il dinamismo culturale e l'attivo commercio che si svilupparono nei primi decenni dell'Ottocento, ebbero la sintesi nella ripresa delle "tornate" dell'Accademia degli Affiliati, poi chiamata degli Euteleti; era il 1829 quando il canonico Torello Pierazzi, segretario dell'Accademia, chiese al granduca di Toscana Leopoldo II di istituire in San Miniato una Cassa di Risparmio da affiliarsi a quella di Firenze.

Il 23 gennaio 1830 venne accolta la richiesta e si formò un gruppo di ventidue cittadini appartenenti alle più illustri famiglie della città che il seguente 27 aprile si costituirono in società anonima con un patrimonio iniziale di quattrocento fiorini, fondo di dotazione del nuovo istituto.

manifesto

Nasceva la Cassa di Risparmio di San Miniato di cui il Pierazzi, prelato sanminiatese di altissimo spessore, fu il primo presidente. Egli fu, successivamente, vescovo della diocesi di San Miniato dal 1834 al 1851. Sul finire del decennio 1870-80 la crisi che travolse il Comune di Firenze, dovuto al trasferimento della capitale a Roma, ebbe una forte ripercussione anche sull'Istituto sanminiatese. La disastrosa situazione fu superata dall'intelligenza del consiglio di amministrazione che pensò di sciogliere da ogni vincolo con l'istituto di Firenze la Cassa di San Miniato. Con il Decreto Reale del 14 gennaio 1886 si riconosceva quindi la Cassa di Risparmio di San Miniato quale ente autonomo.

Nel 1922, in seguito alla sua notevole crescita, l'Istituto inaugurò una nuova sede in stile gotico-senese all'angolo di via Ser Ridolfo con piazza Grifoni nel centro di San Miniato, distrutta e minata dai tedeschi nel 1944; sviluppò filiali nei principali centri del Valdarno, diede impulso all'agricoltura, al commercio, all'artigianato e all'industria conciaria.

La Cassa ha avuto, dunque, e ha tuttora, un ruolo determinante nel miglioramento della vita delle persone del territorio, delle condizioni sociali ed economiche favorendo il benessere e la qualità della vita. La Legge Amato del 1990 dispose che gli enti bancari diventassero società per azioni, sotto il controllo di Fondazioni, le quali successivamente avrebbero dovuto collocare le proprie azioni sul mercato. Nacquero così la Cassa di Risparmio di San Miniato Società per Azioni e la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.

Le sinergie tra Fondazione e Banca innescano un meccanismo virtuoso, grazie al quale la Banca con la propria attività creditizia supporta lo sviluppo economico delle aziende e gli investimenti delle famiglie, mentre gli utili generati vanno in gran parte alla Fondazione, la quale a sua volta impiega le risorse ricevute sul territorio di riferimento contribuendo così al suo sviluppo sociale, culturale, ed economico. La Fondazione persegue finalità di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, erogando contributi nei settori dell'arte e della cultura, dell'istruzione e formazione, del volontariato, dell'assistenza agli anziani e alle categorie sociali più deboli. Di particolare rilievo il contributo alla conservazione del patrimonio artistico e architettonico, il progetto Itaca finalizzato all'assistenza domiciliare degli anziani non autosufficienti e l'attività di microcredito in Terrasanta tramite la San Miniato Foundation con sede a Gerusalemme. La CRSM S.p.A. attraverso la sua attività bancaria, offre soluzioni adeguate, attraverso i suoi strumenti finanziari, allo stile di vita ed alle aspettative della clientela presente e futura in ogni momento della vita. Nello statuto originario si legge che lo scopo principale era quello di essere banca per il popolo, per la cittadinanza anche di piccole e sperdute località. Tali finalità, seppure in forme diverse, caratterizzano ancora oggi l´attività dell'istituto che rimane profondamente inserito nel contesto sociale ed economico del territorio in cui opera. Oggi la Cassa di Risparmio di San Miniato, tra le più antiche in Italia, è uno degli istituti di credito più importanti della Toscana, con quasi 90 filiali.

Visita il sito Fondazione Cassa di Risparmio San Miniato